Tristezza infinita.

Postato il Aggiornato il


Tristezza infinita e non-solidarietà.
Di Giacomo Fiaschi

Tunisi, 8 febbraio 2009

Di Eluana si parla da tempo e non sempre, sia da una parte che dall’altra, con il rispetto che si deve a una persona che soffre. Non è stata solo la condizione clinica a sottrarle pienezza di vita. E’ stata anche la gigantesca campagna mediatica costruita intorno a lei a sottrarle quel rispetto dovuto ad ogni persona, specie a chi si trova in condizione di non poter reagire ai clamori della folla.
In questi giorni, nei quali si sprecano espressioni di solidarietà, mi vien voglia di esprimere diverse non-solidarietà.

  • Non-solidarietà nei confronti del Sig. Presidente della Repubblica per il fatto che si è richiamato alla Costituzione prendendone in considerazione solo la parte relativa alle procedure di firma di un decreto legge (che avrebbe potuto, fra le altre cose, evitare di introdurre di fatto la legalizzazione dell’eutanasia), dimenticando la priorità che, rispetto a qualsiasi prassi, la stessa Costituzione riserva alla tutela della vita di un cittadino.
  • Non-solidarietà nei confronti del Governo Italiano e del Presidente del Consiglio dei Ministri, che si sono ridotti all’ultimo minuto per affrontare con decreto-legge una situazione che era urgentissima già da mesi, e della quale erano perfettamente a conoscenza.
  • Non-solidarietà con le piazze, che spettacolarizzando una situazione personale difficilissima ed estremamente delicata l’han trasformata, com’era scontato, in campo di battaglia politica e ideologica, nel quale si è assistito ad ogni genere di saccheggio .
  • Non-solidarietà con i partiti politici che hanno attinto a piene mani da questo saccheggio per tirar l’acqua al proprio mulino, facendo finta d’interessarsi a una cosa della quale han dimostrato, con i fatti, di essersi sempre disinteressati.

Di quello che sta accadendo nella clinica di Udine in questi giorni dovrà esser reso conto a Dio soltanto.

Un Dio misericordioso che sa perdonare chi sbaglia perché frastornato e sopraffatto dal dolore, ma anche un Dio giusto giudice che sa punire chi sbaglia sapendo di sbagliare, chi affronta il mistero della vita senza rispettarne l’inviolabilità. Un Dio giusto giudice che chiederà conto a ciascuno di ogni crudeltà, di ogni mercimonio, di ogni ipocrisia.
Il peso dell’infinita tristezza nella quale, se abbiamo ancora un cuore, ci sentiamo sprofondare di fronte a questo fatto è un ultimo dono che Dio ci fa per convertirci al suo amore.

Annunci

2 pensieri riguardo “Tristezza infinita.

    Alessandro OPSCG ha detto:
    9 febbraio 2009 alle 4:33 pm

    Ho cambiato idea

    Sul “Caso Eluana” avevo delle idee precise, chiare, forse un po’ radicali. Sabato scorso, 7 febbario, giorno di San Biagio, un’ insigne giurista, cattolica, mi ha fatto cambiare idea.

    Mi ha fatto tornare alla memoria la Casa di Cura di Lecco, dove Eluana è stata ospitata fino alla settimana scorsa. Ho rivisto quelle Sorelle straziate dal dolore nel vedere partire, non solo fisicamente, una loro sorella, assistita amorevolmente anche da loro fino allora.

    Se Eluana era diventata un peso (…. ma non credo sia proprio così!), Beppino, fratello in Cristo, avrebbe potuto lasciarla a riposare presso le Sorelle di Lecco per sempre. Sarebbe comunque andato a trovarla, un paio di volte la settimana per farle una carezza….. anzichè andare tra poco un paio di volte la settimana al cimitero per portarle un fiore. O no?

    marta09 ha detto:
    11 febbraio 2009 alle 9:49 pm

    Oggi, 11 febbraio, Madonna di Loudes e giornata dell’ammalato chiedo a tutti una preghiera per il papà di Eluana, per la mamma di Eluana e per tutti coloro che soffrono malattie senza scampo e per tutti quanti li accompagnano in questo Calvario nel silenzio, nella fatica e nelo sgomento dell’impotenza.
    Basta anche un solo pensiero di affetto, credo sia la preghiera più gradita a Dio.
    Giudicare mai, ma pregare sempre.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...