L’Occidentre Cristiano in ascolto dell’Oriente Cristiano

Postato il Aggiornato il


Mons. Prof. Giueppe Cremascoli
Mons. Prof. Giueppe Cremascoli

Riportiamo il testo integrale dell’intervento del Prof. Mons. Giuseppe Cremascoli in occasione del Concerto Akatisthos di Lunedi 18 Maggio nella Chiesa dell’Incoronata di Lodi.
Una riflessione che, nello stile di Mons. Giuseppe, attraverso un linguaggio che nulla concede alla retorica né all’autocompiacimento accademico, ci assiste nella migliore comprensione di questa straordinaria composizione di arte sacra. (Versione stampabile)


.

L’Occidentre Cristiano in ascolto dell’Oriente Cristiano
di Mons. Giuseppe Cremascoli.

Per molti secoli – e non è che ai nostri giorni ogni difficoltà sia scomparsa – i rapporti fra l’Oriente e l’Occidente, nel gran teatro del mondo, apparvero segnati da incomprensioni e da contrasti anche dolorosi e drammatici, in vari ambiti, non esclusi quelli attinenti alla fede e all’istituzione cristiana. Ora però, volendo guardare con fede le grandi mutazioni del mondo in forza delle quali esso sempre più ci appare un villaggio globale, e con l’impegno di vedere in tutto ciò i lineamenti di un disegno provvidenziale e divino, è giusto che i cristiani si ritrovino in tutto che può rendere sempre più salda la carità in Cristo, anche per trovare forza e reggere nell’assalto sferrato da molte parti per sradicare dal cuore dell’uomo ogni memoria di Dio. L’incontro fra le varie isole dell’immenso arcipelago del mondo cristiano darebbe anche, come risultato, la possibilità di venir a conoscere la straordinaria ricchezza di ciò che è nato, lungo il corso dei secoli, all’ombra della fede e della pratica religiosa, seguendo il genio dei diversi popoli nella liturgia da essi creata e vissuta, percorrendo le infinite strade che hanno in sé il potere di congiungere il cuore dell’uomo con la realtà stessa di Dio.

L’iniziativa a cui stiamo prendendo parte, nasce da questi pensieri e da queste speranze, con l’animo rivolto a ciò che

Santa Maria in Cosmedin
Santa Maria in Cosmedin

vagamente ci è noto dei testi e dei canti dell’Oriente cristiano in onore della Madre di Dio. Anche l’Occidente ha custodito, nei secoli, devozione e fede nei confronti di colei per il cui tramite il Verbo si fece carne per l’umana salvezza, e il mese di maggio porta i fedeli a manifestare questi sentimenti di venerazione e di pietà. Come modello e occasione di incontro, la scelta da parte nostra e in questo tempio dell’Incoronata, è caduta sugli inni più cari alla prassi devota dell’Oriente cristiano, eseguiti in concerto vocale dai cantori della basilica di s. Maria in Cosmedin, sede della Chiesa greco melkita cattolica in Roma. Credo sia innegabile, mentre viviamo quest’esperienza, che sorgano in noi interrogativi e sentimenti di svariata natura, nei quali, alla devozione e alla fede, si affianca una legittima curiosità di conoscere gli aspetti peculiari e propri di una spiritualità e di una liturgia in cui non mancano diversità rispetto alle consuete categorie del nostro gusto e della nostra prassi, che, proprio per questo, avvertono il fascino della novità, nel desiderio di ricevere messaggi e lumi per la propria vita.

L’incontro non ha, infatti, in alcun modo l’intento di condurre ad appiattimenti o a forzate uniformità. Ognuno deve custodire gli aspetti tipici e validi della propria storia, aprendosi però, al contempo, alle possibilità di arricchirli, o di restaurarli, al contatto con la ricchezza di ciò che è stato elaborato e costruito in vicende con cui è utile confrontarsi. Quanto a noi, sembra esatto affermare che la cultura dell’Occidente potrà ricuperare certi valori smarriti uscendo da sé e dal cerchio ormai fatale di dissacrazioni portate anche a conseguenze estreme, di fronte alle quali bisogna almeno riflettere.

Perché l’arte, la musica, la liturgia dell’Oriente cristiano non potrebbero risuscitare in noi una capacità di contemplazione da cui siamo lontani, travolti, ormai, dalla fretta, dall’ansia di avere sempre di più, in una corsa, alla fine, irrazionale e nociva per chi vi si è disperatamente votato? Perché non contemplare per qualche istante e in assoluto riposo dello spirito certi volti scritti nelle icone, ove i personaggi, immoti e fissi con lo sguardo nel sovrumano e nell’eterno, evocano possibilità di sentirsi liberati dai devastanti grovigli che ci avviluppano nelle ombre dei nostri giorni che passano? Anche la grande musica della liturgia dell’Oriente cristiano ha in sé doni di salvezza, così da essere balsamo per gli spiriti. Forse ne abbiamo tutti una conoscenza segnata da limiti, ma in certi occasionali incontri non possiamo non aver colto, in essa, la presenza di tutta la gamma dei sentimenti da cui l’anima è raggiunta quando si protende, con speranza e con supplica, verso la maestà dell’Eterno.

im009mq2Accenti pacati e sommessi si alternano a fremiti ardenti di supplica, dando, così, intensità e forza al sovrumano mistero dell’incontro dell’uomo con Dio.

Forse non tutto in queste esperienze dello spirito è consono alla nostra ben nota condizione psicologica. L’impianto litanico e ripetitivo di non pochi di questi testi liturgici, ad esempio, può richiedere un’abitudine alla contemplazione e alla quiete dell’anima, della quale dobbiamo dirci sprovvisti. Eppure la capacità di evocazione della realtà divina e lo splendore delle immagini di cui la parola umana reca il segno, dovrebbero scuotere gli spiriti, guidandoli per le misteriose vie che conducono alla percezione di Dio. Il nostro incontro di stasera è un tentativo perché le cose possano procedere davvero così.

Annunci

Un pensiero riguardo “L’Occidentre Cristiano in ascolto dell’Oriente Cristiano

    Luca Giampiero ha detto:
    29 maggio 2009 alle 9:22 am

    Grande oratore, grande professore, grande prete!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...