Sadiqi Fouad – Il mio Amico Fouad

Postato il Aggiornato il


L'Autore con Mons. Fouad Twal a Codogno
L'Autore con Mons. Fouad Twal a Codogno

Il Patriarca Latino di Gerusalemme, Fouad Twal, celebra la Liturgia a Codogno, in occasione del 40° anniversario di fondazione del Gruppo Scout cittadino.

di Alessandro Grecchi

Codogno, Domenica 20 settembre

Per un Arabo, il significato di questa parola é diverso da quello che noi occidentali le diamo. Nel mondo arabo, divento amico di una persona quando, guardandolo per la prima volta, egli mi risponde con un sorriso.

Questo é il segnale che lui ha accettato la mia amicizia…. per tutta la vita. Non c’è bisogno di altro.

É successo così per me, quando ho intervistato Fouad Twal Vescovo di Tunisi, nell’agosto del 2004.

Tunisi, Agosto 2004
Tunisi, Agosto 2004

L’ho rivisto velocemente nell’agosto dell’anno successivo, e il 30 ottobre, all’ingresso in cattedrale del nuovo Vescovo, Mons. Maroun Lahham.

Rivederlo oggi, dopo 5 anni, da Patriarca di Gerusalemme, nella mia Bassa, nelle mie campagne, é stata per me una gioia immensa.

Mons. Furiosi e il Patriarca Fouad Twal (Codogno 20 settembre 2009)
Mons. Furiosi e il Patriarca Fouad Twal (Codogno 20 settembre 2009)

Mons. Twal ha partecipato alla riunione dei Patriarchi Orientali con il Santo Padre, e ha voluto fare tappa a Codogno per festeggiare gli Scout.

Durante la Liturgia, concelebrata da mons. Diego Furiosi, vicario foraneo e da don Peppino Barbesta, assistente spirituale dei Lavoratori Cristiani, Sayedna Fouad ha tenuto per i fedeli e per gli Scout una omelia sobria, essenziale, ma significativa per la situazione che stiamo vivendo nel Medio Oriente:

“Ognuno di noi deve portare la propria croce, che Dio gli ha donato. Dobbiamo testimoniarla nell’amore a chi ci sta vicino, nella vita quotidiana, sul lavoro…. Noi cristiani in Palestina siamo solo 10.000, contro in 250.000 musulmani e 450.000 ebrei. Siamo una minoranza, questa é la notra croce, ma continuiamo per la notra strada, sereni, senza avere paura di nulla….”

L'incontro con gli scout: offertorio
L'incontro con gli scout: offertorio

Bellissimo il passo sulla paura in cui il Patriarca si é soffermato:

“Chi di noi ha paura, emigra dalla Terra Santa in America, in Europa, trovando tutto quello che vuole. Non può, però, portarsi dietro la Terra Santa, con tutti i suoi pro e contro. La Terra Santa é in Medio Oriente, non va abbandonata!

Non dobbiamo avere paura. Mi sembra che tutti vogliano darsi da fare per non rompere l’equilibrio fra pace e guerra, nessuno vuole sbilanciarsi…. mi sembra che abbiamo più paura della pace che della guerra….”

Un grazie agli Scout che hanno voluto creare un’atmosfera giovane con il loro abbigliamento e i loro canti con la chitarra; un grazie anche a don Alessandro Noviello, coadiutore di Codogno e cerimoniere della Liturgia.

Che bella giornata, spero con tanti altri fedeli di esaudire presto il desiderio di Sayedna Fouad: “Venite presto a trovarmi in Terra Santa, le nostre porte sono sempre aperte!

A.G.

Annunci

20 pensieri riguardo “Sadiqi Fouad – Il mio Amico Fouad

    Suzy ha detto:
    20 settembre 2009 alle 3:44 pm

    salam Iskandar,

    ti ringrazio per la mail, e prego con voi per i cristiani della terra santa, capisco bene quallo che vivono nella terra santa. Mi è sfuggito di dirti che ho conosciuto il cugino di del Patriarca Twal a iacenza ed è diventato un nostro amico caro. è un architetto giordano – italiano molto simpatico.
    ciaooo

    Rafael Staparo vale ha detto:
    20 settembre 2009 alle 5:28 pm

    Viva a Igreja de Cristo!

    Que Deus abençõe e proteja a todos!
    Bom trabalho!!!!
    Paz e bem!!!

    Alberto Corrù ha detto:
    20 settembre 2009 alle 8:10 pm

    Complimenti!!!

    L’opera degli Scout é sempre meritoria. Baden Powel ha lasciato un segno nel mondo che verrà ricordato per sempre, perché gli Scout non hanno età e non ahnno tempo.

    Dario ha detto:
    21 settembre 2009 alle 12:18 am

    Speriamo che i cristiani di Terra Santa possano vivere finalmente in pace!
    Un augurio perchè ciò avvenga al più presto!
    Dario

    Mirian Vieira ha detto:
    21 settembre 2009 alle 12:26 am

    Quando ho letto questo reportaggio Sadiqi Fouad – Il mio Amico Fouad e ho visto queste due frase:

    “Ognuno di noi deve portare la propria croce, che Dio gli ha donato.

    …..Guardandolo per la prima volta, egli mi risponde con un sorriso.

    Ognuno di noi abbiamo una croce propria ma vicino a noi abbiamo tantissimi amici che fanno che le nostre croce sia leggera. Grazia A.G. per la tua amicizia e credo che tu sia felice per la amiccizia con Fouad Twal .
    E che la pace sia con tutti noi occidentali e orientali.
    Ciao

    Roberto ha detto:
    21 settembre 2009 alle 12:58 am

    Bene caro Ale è sempre una gioia vederti impegnato in tante iniziative, d’altronde chi ti conosce sa della tue passioni , e di come le vivi .
    Noto con molto piacere che nella foto con il Patriarca Latino sfoggi la nostra cara medaglia dell’ Ordine Patriarcale
    Cari saluti Roberto

    Martino Fumagalli ha detto:
    21 settembre 2009 alle 9:37 am

    BRAVO PATRIARCA FOUAD

    È bello vedere che un alto prelato della chiesa, dopo essere stato a Roma per parlare con benedetto XVI decide di andare anche nella Bassa Lodigiana a festeggiare gli Scout di Codogno, o a Retegno, come è successo nel pomeriggio dello stesso giorno.

    Non si è fermato ai cosiddetti “palazzi”, come è d’uso fra le alte gerarchie della chiesa, ma è andato fra quelli come noi, fra la gente comune.

    Grazie Patriarca Fouad!

    Sthephano ha detto:
    21 settembre 2009 alle 9:39 am

    CHISSÀ

    Da Màdaba a Roma, passando per Tunisi e Gerusalemme. Chissà, un giorno…

    Andreina ha detto:
    21 settembre 2009 alle 9:42 am

    Bravo Fuad!

    Luca Giampiero ha detto:
    21 settembre 2009 alle 11:33 am

    Non c’ero, ieri, alla messa del Patriarca Fouad a Codogno, ma ne ho sempre sentito parlare bene, anche quando sono andato a Djerba, a messa, nella chiesetta che proprio lui ha fatto riaprire.
    Quella di Fouad Twal è una chiesa in movimento, dinamica, non statica e stantìa come la stiamo vedendo noi a Roma. È ora e tempo che la chiesa di Roma non prenda solo ossigeno dalla chiesa d’Oriente, ma anche della linfa di tradizione, storia, fede e devozione, altrimenti è destinata a soccombere.
    Avanti, Fouad, avanti così

    Marco ha detto:
    21 settembre 2009 alle 11:52 am

    FINIAMOLA COL BUONISMO, EH??

    Vorrei sapere quanti di quelli che c’erano ieri a messa a Codogno condividevano la sua omelia che, velata diplomaticamente da pacifista, nascondeva una fermezza e radicalità senza pari.
    Nessuno vuole, oramai la pace. Per paura della pace siamo diventati dei pecoroni, schiavi delle regole e di un finto rispetto comune, globale. La vogliamo finire?
    Il Patriarca Fouad, ieri, ci ha voluto dire questo: smettetela di essere così molli con il Medio oriente, altrimenti fate il gioco degli integralisti islamici, che trovano terreno fertile in menti deboli e in animi incerti.
    Fuori gli attributi, non assolutamente le unghie i denti.
    Per dialogare con l’Islam non dobbiamo avere paura di professare la nostra fede.

    Emma Grecchi ha detto:
    21 settembre 2009 alle 10:20 pm

    Ale, sono molto orgogliosa di avere uno zio come te, bravo! Vedrai, la tua fede così sincera ti porterà ben più lontano del Medio oriente, ben più lontano del tuo amato Brasile.
    Dio ti ricompenserà con grandi doni.

      Giuseppe T. ha detto:
      26 settembre 2009 alle 3:47 pm

      Pienamente d’accordo con Marco. Non ti conosco, ma credo che un po’ più di coraggio della propria fede non farebbe male a noi cristiani.

    Alessio.D ha detto:
    22 settembre 2009 alle 8:50 am

    Oriente e Occidente

    Continuiamo a creare ponti frà oriente e occidente, come fa il Patriarca Fouad!

    Teresa ha detto:
    22 settembre 2009 alle 10:32 am

    Credo che il Patriarca Fouad sia il più grande diplomatico che la chiesa Vaticana possa avere in questo momento. Ha nel sangue il dialogo, e negli occhi l’amore di Cristo.
    Quando era in Tunisia ha reso il dialogo interreligioso non una civile convivenza, ma una forte, fortissima amicizia.
    In Palestina farà altrettanto, andando sempre avanti.
    Ad meliora!

    Emanuele Maestri ha detto:
    22 settembre 2009 alle 1:14 pm

    Avere un Patriarca latino nella Bassa è davvero un onore.
    Il Patriarcato Latino di Gerusalemme fu ricreato dall’indimenticato e indimenticabile beato Pio IX (un papa grandissimo) e oggi, assieme agli altri patriarcati orientali in comunione con il Santo Padre, è baluardo di libertà in una terra martoriata -purtroppo!- da una guerra infinita. Preghiamo per la pace: sempre!
    Ma i nostri governanti si attivino per rendere effettiva la pace…

    Emanuele Maestri

    Paolo ha detto:
    25 settembre 2009 alle 11:36 am

    W Fouad e tutti i vescovi arabi!

    Giuseppe T. ha detto:
    26 settembre 2009 alle 3:46 pm

    PATRIARCA LATINO?

    Qualcuno mi puà spiegare cosa vuol dire Patriarxa Latino?
    Visito sempre questo Blog, e posso leggere la risposta qui, grazie!

      Alessandro OPSCG ha detto:
      26 settembre 2009 alle 10:32 pm

      Carissimo Giuseppe, che bello vedere che visiti il “nostro” Blog.
      Credo che l’aggettivo Latino, in Oriente, sia quello che da noi viene definito Romano, quindi il Patriarca Latino dovrebbe dipendere direttamente dalla Chiesa di Roma.
      Credo che qualche sacerdote che visita il sito potrebbe, comunque, spiegartelo molto meglio di me.
      A presto

      Archim. Mons. Virginio Fogliazza ha detto:
      30 settembre 2009 alle 3:43 pm

      Patriarca Latino:
      Lui è stato nominato dal Papa di Roma e non eletto come gli altri Pastriarchi dal loro Sinodi ( la riunione dei vescovi).
      La liturgia del Patriarca latino segue il Rito della chiesa d’occidente, non quello di s.Giovanni Crisostomo che è
      celebrato nella Chiesa orientale, sia cattolica, sia ortodossa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...