La “Biblioteque de Recerche” dell’IBLA di Tunisi.

Postato il Aggiornato il


L’IBLA di Tunisi: il futuro incerto di un Istituto dal passato glorioso. (Video)

di Giacomo Fiaschi

Quando ho chiesto all’autista del taxi di raggiungere Place du Leader sembrava che gli avessi chiesto di andare su Marte. Il brav’uomo non aveva la più pallida idea di dove si trovasse quel luogo e così, trovandomi anch’io nella sua stessa situazione, non mi è restato altro da fare che chiedere lumi a padre Gian Battista Maffi, che mi stava aspettando all’Institut des Belles Lettres Arabes, l’IBLA, per avere qualche indicazione in più da dare all’autista. “Prova chiedergli di portarti a Maâkal Ezzaïm” mi ha detto “e vedrai che capisce”. Detto fatto: quel nome ha funzionato come una password e l’autista, tirato un sospiro di sollievo, ha subito imboccato la strada giusta. In dieci minuti sono arrivato in uno strano piazzale alberato, una specie di spartitraffico un po’ caotico dove, guardandomi intorno, non ho notato nulla che potesse in qualche modo farmi intuire la presenza dell’Institut. Mentre stavo cominciando a coltivare qualche dubbio mi sento chiamare per nome e, con grande sollievo, riconosco padre Gian Battista. Lo raggiungo e, dopo aver imboccato uno stradino, entriamo in un vicolo cieco, una strettoia, in fondo al quale c’è un portone incorniciato da piastrelle in ceramica policroma. Eccoci, finalmente, all’IBLA.

Conoscevo già la storia dell’Istituto, il suo radicamento profondo nella realtà tunisina, ma solo dopo averne varcata la soglia mi son reso conto appieno di quanto fossero reali le cose che avevo letto. La sala di lettura della biblioteca di ricerca era quasi al completo di docenti e studenti universitari, frequentatori abituali della biblioteca, che possono, qui, accedere a testi difficilmente trovabili altrove.

Nata nel 1926, per iniziativa di padre Henri Marchal come centro di studi e ricerche per garantire ai Padri Bianchi una base formativa che oggi chiameremmo “multiculturale”, anche allo scopo di prevenire quei problemi di dialogo che furono alla base dei primi insuccessi algerini, la prima sede non fu a Tunisi, ma a La Marsa, ad una ventina di chilometri dal centro della capitale. Dopo un anno e mezzo si sposta a Tunisi e, nel 1931, prende il nome di Institut des Belles Lettres Arabes. Un anno dopo, nel 1932, l’IBLA trova la sua sede finale in un popolarissimo quartiere nei pressi di Bab Mnara e diventa subito non solo un centro di dialogo interculturale fra cistiani e musulmani, ma anche un punto di riferimento importantissimo per i giovani studenti, che vi trovano uno spazio ideale per la loro formazione extrascolastica. Intere generazioni di futuri leaders nei più svariati campi, dall’economia alla scienza alla politica sono stati formati a questa vera e propria “scuola” nella quale hanno trovato accoglienza, ospitalità e, soprattutto, occasione di sviluppare una conoscenza approfondita delle radici sia cristiane che musulmane di un contesto già all’epoca segnato in modo profondo, e non senza problematiche diverse, da quella che oggi si chiama “multiculturalità”.

Da quasi un secolo l’IBLA raccoglie e conserva tutto quel che viene stampato in Tunisia: libri, riviste, giornali e pubblicazioni d’ogni genere vengono classificate, indicizzate e rese disponibili per quanti han necessità o voglia di fare ricerca.

I tempi sono cambiati, e viene da chedersi quale sarebbe ai giorni nostri, nell’epoca della comunicazione multimediale, il progetto di padre Henri Marchal.

L’IBLA, oggi diretto da padre Jean Fontaine, resta comunque una pietra miliare nella storia della cultura del dialogo e, come tale, dovrebbe essere -a pieno titolo- considerato. Ne parlo spesso con l’amico padre Gian Battista Maffi, che da due anni è direttore della prestigiosa “Bibliotéque de Récherche” del’Istituto, luogo privilegiato del dialogo fra culture diverse.

Ma l’avvenire della biblioteca e dello stesso IBLA, nonostante il suo indiscutibile prestigio, è purtroppo incerto: sono pochi, infatti, oggi i Padri Bianchi disponibili per dedicarsi a questo genere di attività, che presuppone un livello formativo non comune ed un autentica vocazione alla “missione culturale”. E i problemi non finiscono qui: lo stato generale dell’edificio, la cui costruzione risale all’inizio del secolo scorso, comincia ad essere seriamente compromesso, soprattutto a causa dell’enorme mole di volumi che la Biblioteca ha accumulato in tutti questi anni, e un intervento di restauro conservativo diventa di giorno in giorno sempre più urgente. Non solo: la stessa ubicazione della Biblioteca non appare più adeguata in uno spazio divenuto ormai del tutto insufficiente a contenerla.

I problemi sono più d’uno, dunque, e il fatto che necessitino tutti di interventi pesanti ed improcrastinabili, ha trasformato l’urgenza in vera e propria emergenza. Se non verranno adottate misure in tempi brevi esiste il rischio di perdere per sempre questo Istituto che ha avuto e potrebbe continuare ad avere, oggi più che in passato, un posto di primo piano nello scenario del patrimonio culturale non solo tunisino, ma anche -e soprattutto- europeo.

Padre Gian Battista ha ben presente tutto ciò, ma non ne parla volentieri. Come tutte le persone di buon senso, preferisce spendere il suo tempo occupandosi di problemi sui quali può intervenire concretamente, evitando il più possibile di affrontare argomenti sui quali si finirebbe, inevitabilmente, di giungere a conclusioni deprimenti perché “inconcludenti”, almeno sotto il punto di vista pratico. E allora è meglio continuare a prendersi cura delle cose sulle quali si può intervenire, come il restauro dei libri e la loro riclassificazione. Negli ultimi anni, anche sotto questo aspetto, la situazione si è aggravata. Non sarà la soluzione finale dei problemi dell’IBLA, è vero, ma intanto, almeno in questo caso, trova luogo quell’ “agere sequitur esse” senza il quale le parole restano parole, i fatti utopie, e le speranze illusioni.

Annunci

2 pensieri riguardo “La “Biblioteque de Recerche” dell’IBLA di Tunisi.

    marta ha detto:
    1 dicembre 2009 alle 1:13 am

    Non credo sia un argomento da commentare, penso si possa solo pregare che aiuti e sensibilità al problema arrivino al più presto.

    Gianni Perotti ha detto:
    4 giugno 2010 alle 10:35 pm

    Se c’erano dei problemi nel 2009 figuriamoci adesso che la Biblioteca è bruciata. Non capisco perchè il sito non sia stato aggiornato.
    Gianni Perotti, Milano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...