L’arte come preghiera: le Icone della Comunità Adveniat di Rocca Sant’Angelo (Assisi)

Postato il


Maria Madre della tenerezza

L’arte come preghiera: le Icone della Comunità Adveniat di Rocca Sant’Angelo (Assisi).

di Giacomo Fiaschi

Una delle caratteristiche della Comunità Adveniat è indubbiamente quella di esprimere la Preghiera attraverso l’arte della scrittura delle Icone. Si dice “scrittura” e non “pittura” delle icone proprio per accentuare il contenuto spirituale e teologico di questo genere di attività artistica, che ha per oggetto la realizzazione di opere destinate ad accompagnare la meditazione e la preghiera.
Un’estetica, dunque, orientata all’elevazione spirituale, alla contemplazione e non fine a se stessa. Alcune fra le sorelle della Comunità svolgono questa attività in modo sistematico e continuativo per la realizzazione di qeste opere che sono, in parte, destinate  alla vendita, il cui ricavato contribuisce al sostentamento della stessa Comunità.

Le Icone sono realizzate seguendo in modo assai scrupoloso uno dei più rigorosi  “disciplinari”  della scrittura delle Icone, vale a dire utilizzando i materiali e i metodi della tradizione che sono, principalmente, i seguenti :

  • il supporto è realizzato in tavola di legno (in un solo pezzo) incavata sul retro della quale sono inserite ad incastro a coda di rondine, due traverse per evitare imbarcamenti
  • sul supporto così predisposto vengono distesi più strati formati da teli di cotone intrisi di gesso di bologna e colla di coniglio
  • i colori vengono ricavati dalla macinatura a mano tramite pestatura a mortaio di terre e minerali disciolti in un miscuglio di componenti naturali (es. rosso d’uovo) e soluzione alcolica
  • l’eventuale doratura viene effettuata utilizzando oro  a 28 carati in foglio, che viene fatto aderire al supporto preparato con bolo.
  • tutte le operazioni preparatorie possono essere svolte da personale diverso da quello impegnato nella realizzazione propriamente “artistica” e precedono la vera e propria “scrittura” e sono necessariamente svolte, così come la “scrittura” in un contesto di meditazione e di preghiera, al di fuori del quale è impossibile parlare di autentica “scrittura” delle Icone.

Presentiamo, di seguito, alcune Icone “scritte” dalle Sorelle della Comunità.

Maria Madre della tenerezza (2)
San Paolo
Gesù Maestro
Gesù Maestro (volto)
L’Arcangelo Michele
Annunci

Un pensiero riguardo “L’arte come preghiera: le Icone della Comunità Adveniat di Rocca Sant’Angelo (Assisi)

    Archim. Mons. Virginio Fogliazza ha detto:
    10 dicembre 2009 alle 7:21 pm

    Grazie Giacomo per la presentazione di queste stupende Icone, “scritte” dalla Comunità Adveniat .

    Davanti ad esse, sento di trovarmi di fronte ad una finestra aperta alla contemplazione di Dio .

    Si tratta davvero di essere di fronte ad un sacramentale che genera nell’intimo il bisogno di ascoltare e di parlare con il Signore e con sua Madre.

    Dio benedica la Comunità Adveniat. Possa sempre più irradiare anche con l’Iconografia la necessità dell’incontro con Dio in questa umanità tanto secolarizzata .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...