Santa Lucia porta dei doni a Maccastorna.

Postato il Aggiornato il


Mons. Fogliazza e i bambini di Maccastorna al termine della funzione dedicata aSanta Lucia

Santa Lucia porta dei doni a Maccastorna.
di Alessandro Grecchi

Domenica, 13 Dicembre 2009

Quest’anno il giorno di Santa Lucia corrispondeva con la cosiddetta domenica lætare. A Maccastorna ci sono stati diversi motivi di rallegramenti per la comunità cristiana.

L’Ordine Partiarcale della Santa Corce di Gerusalemme, di cui il parroco Mons. Fogliazza è Priore ha festeggiato la promozione a Commendatore (dopo i capi Delegazione) anche del Cavalier Roberto Crispini, che da quindici anni si occupa della beneficenza in favore di questo fazzoletto di mondo.

Il Cavalier Roberto Crispini riceve da Mons. Fogliazza il Diploma e la croce patriarcale.
Il Comm. Francou consegna la Croce al neo Commendatore Roberto.

La concomitanza della festa di Santa Lucia è stata occasione per Mons. Fogliazza per regalare a tutti i bambini della parrocchia uno zaino e un’agenda: “Voglio che riempite questo zaino di tante buone azioni che dovete fare verso il prossimo, cari bambini. Sull’agenda scrivete, poi, tutte le buone azioni che compirete, anche le più piccole“.

La funzione si è conclusa con una preghiere a Santa Lucia, perchè protegga tutti i fedeli dalle malattie degli occhi.

(Alessandro Grecchi OPSCG)

Annunci

10 pensieri riguardo “Santa Lucia porta dei doni a Maccastorna.

    Roberto ha detto:
    13 dicembre 2009 alle 7:23 pm

    Ale, grazie per il tuo prezioso aiuto… a presto Roberto

    Albertino ha detto:
    13 dicembre 2009 alle 8:43 pm

    Alex,
    Foi, acredito, uma lindíssima ceromônia, mas, adianto, não estou capacitado a fazer um comentário mais adequado.
    Assim, aqui de longe, no novo mundo, dá-me a impressão de um quadro antigo, medieval. Estarei, com certeza, sendo injusto, com este comentário franco.
    Com o seu perdão,
    Albertino

    Alex,
    É stata, ci credo, una bellissima cerimonia, ma non riesco a lasciare un commento più adeguato.
    Così, qui da lontano, nel nuovo mondo, mi dà l’impressione di un’atmosfera antica, medievale. Sicuramente, so di essere ingiusto, con questo commento franco.
    Col tuo perdono
    Albertino

      Alessandro OPSCG ha detto:
      14 dicembre 2009 alle 11:19 am

      Queridissimo companheiro de caminhada Albertino, Paz!
      Os Cavalheiros da Santa Cruz de Jerusalem são um Ordem que ajuda o Patriarcado Melquita Catòlico de Antioquia.
      Os cerimoniais podem parecer um pouco antigos, mas o que nòs importa è fazer algo de bom para os meninos da Escola de Beith Saour, perto de Jerusalèm… como eu faço também para os meninos da Prelazia de São Felix do Araguaia o de Padre Miguelito Ferrara, no Rio.
      O nosso Pai Celeste não tem tempo, nem cor, nem formadura.
      O que nòs deve unir è a Fè nele. Vocé, irmão Albertino, sabe as raizes de Fè da minha juventude: o meu Brasil, a Teologia da Libertação, e mais outras coisas.
      Agradeço sua pureza e sinceridade, que tantas pessoas que leem este Blog não deveriam aprender.
      Este vai fortalecer nossa amizade. Não precisa pedir perdão, porque não me senti magoado.
      Continue assim!

      Carissimo compagno di camminata Albertino, Pace!
      I Cavalieri della Santa croce di Gerusalemme sono un’Ordine che aiuta il Patriarcato Melkita Cattolico di Antiochia.
      Le cerimonie possono sembrare un po’ antiquate, ma quello che ci importa è fare qualcosa di buono per i bambini della Scuola di Beith Saour, vicino a Gerusalemme…. come io faccio anche per in bambini della Prelatura di São Felix do Araguaia o di Padre Miguelito Ferrara a Rio.
      Il nostro Padre Celeste non ha tempo, né colore, né laurea.
      Ciò che ci deve unire è la Fede in lui. Tu, caro fratello Albertino, sai le radici della Fede della mia gioventù: il mio Brasile, la Teologia della Liberazione, e tante altre cose.
      Grazie per la tua purezza e sincerità, che tante persone che leggono questo Blog dovrebbero imparare ad avere.
      Questo rafforzerà la notra amicizia. Non c’è bisogno di chiedere perdono, perché non mi sono sentito offeso.
      Continua così!

      Aléx

        Albertino ha detto:
        14 dicembre 2009 alle 11:10 pm

        Li a sua resposta e fiquei contente por perceber que meu comentário foi aceito com raturalidade.
        Não esperava outra coisa, mas é sempre bom sentir-se compreendido.

        Um abraço, Albertino

        Ho letto la tua risposta e sono stato contento che il mio commento sia stato accettato con naturalezza.
        Non aspettavo altro, ma è esmpre bello sentirsi capito.

        Un abbraccio, Albertino

    Archim. Mons. Virginio Fogliazza ha detto:
    14 dicembre 2009 alle 1:16 am

    Semplice e suggestiva la cerimonia in salone.
    Il neo Commendatore è una garanzia per il futuro dell’OPSCG, che ha necessità di persone discrete, cristianamente genuine ed operative.

    Carico di speranza è stato l’incontro al termine della s.Messa con i bambini e i ragazzi della piccola Comunità di Maccastorna …
    …erano presenti quasi tutti e sono certo che quello zaino sarà riempito di opere buone e quell’agenda a loro consegnata, segnerà il passo della loro crescita umana e cristiana.

    Certamente queste piccole parrocchie sono delle realtà che, se seguite, possono essere vere cellule viventi della Chiesa del Signore.

    Alexis Dalko ha detto:
    14 dicembre 2009 alle 10:03 am

    Viva Santa Lucia, che fa restare puri e innocenti i bambini!

    Stephano ha detto:
    14 dicembre 2009 alle 11:22 am

    Ricordo con piacere quando, bambino, raggiungevo i miei nonni nella Bassa per festeggiare S. Lucia.

    Ora ricordo sempre con emozione la ricorrenza e le visite presso la Parrocchia di Codogno in cui era esposta una statua della Santa.

    Rafael Staparo ha detto:
    14 dicembre 2009 alle 2:14 pm

    Parabéns pela cerimônia! Que Deus abençõe a todos!

    Alberto - Lodi ha detto:
    18 dicembre 2009 alle 11:32 am

    Un tempo si diceva “Santa Lucia è il giorno più corto che ci sia”. Da poco ho scoperto che non è così, anzi lo è il 21 dicembre.
    Per me Santa Lucia, resta sempre un giorno bellissimo, ed è una bella cosa che ci siano preti come don Virginio che riescano ad unire la tradizione e la fede.
    Bravo don Virginio

    Philippe Gebara ha detto:
    21 dicembre 2009 alle 4:49 am

    Parabéns ao novo Cavaleiro!

    Mas penso que tal domingo é o domingo Gaudete. Laetare é na Quaresma, se não me engano!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...