5 luglio: Sant’Antonio Maria Zaccaria

Postato il Aggiornato il


S. Antonio Maria Zaccaria

Che S. Antonio Maria Zaccaria (1502 – 5 luglio 1539), medico e fondatore dei miei amati Barnabiti, possa intercedere presso il Padre per proteggervi da ogni male fisico e spirituale.

A.G.

Annunci

19 pensieri riguardo “5 luglio: Sant’Antonio Maria Zaccaria

    segreteria parrocchiale ha detto:
    5 luglio 2010 alle 9:06 am

    Molto “clericale” la “benedizione” di A.G.
    Usa, nella sua benedizione, il verbo “proteggerVi”.
    Stile molto paternalistico….
    Si vede che A.G. si tira fuori…. dalla protezione del santo .

    In questo clima, dove i laici devono portare la loro “secolarità” nella corresponsabilità per la crescita della Chiesa, è auspicabile che essi non giocano a fare il prete.

    M. Consalvi

      A.G. ha detto:
      6 luglio 2010 alle 12:15 am

      Molto provocatorio e infantile, invece, il messaggio di M. Consalvi, che non sapeva che io la protezione del santo l’ho già avuta nel 1992 quando mi ha “operato” per un tumore al cervello.
      Quindi prego molto perchè interceda non più per me presso il Padre, ma per tutti i miei fratelli in Cristo che ne hanno bisogno.
      Prima di azzardare un guidizio di “secolarità” su chi sta scrivendo, quindi, è bene che M. Consalvi si informi sulla salute…. e sul carattere di chi scrive.
      Quanto alla grafica… da ragioniere (il “proteggerVi” in stile lettera commerciale, desueto nei messaggi familiari) non voglio esprimere più di tanto un giudizio.
      A.G.

    Luca Giampiero ha detto:
    6 luglio 2010 alle 9:12 am

    Viva Sant’Antonio M. Zaccaria.
    Grazie Alex per le tue preghiere!!!

    Teresa M. ha detto:
    6 luglio 2010 alle 9:14 am

    È bello avere amici che pregano per noi, e ai quali possiamo rispondere con le nostre preghiere.
    Grazie Alex, continua così!

    Marco ha detto:
    6 luglio 2010 alle 9:18 am

    Grazie Alex per le tue preghiere. Vai avanti cosi, senza farti problemi. Prega per tutti noi, che preghiamo poco!

    Andrea ha detto:
    6 luglio 2010 alle 10:14 am

    Al di là di quello che possano pensare gli altri, posso dire che conosco Alex da più di dieci anni, e che la sua ingenuità e bontà suscita veramente l’invidia di molti. Il fatto di augurarsi che S. Antonio Zaccaria protegga tutti quelli che conosce (… e non!) non è un gesto di secolarizzazione e nemmeno un volere spodestare chi, invece, dovrebbe farlo da tempo e si preoccupa di altro.
    La reazione di chi ha scritto il primo pensiero, da una fantomatica Segreteria parrocchiale di non si sa quale parrocchia, o da qualche polverosissima e ammuffita scrivania, è veramente spropositata.

    Concludo, consigliando all’amico Alex di continuare così, nel suo cammino di una fede sempre più radicale, che vince le invidie e le gelosie, veri mali della chiesa del Terzo Millennio.

    Stephano ha detto:
    6 luglio 2010 alle 2:51 pm

    Non capisco come mai ci si debba “indignare” per la forma con cui un Fratello prega e augura al Santo di intercedere per noi tutti.

    Continua così Alèx.

    Alberto - Lodi ha detto:
    6 luglio 2010 alle 10:23 pm

    Che dire di più? Concordo con tutti gli altri amici che hanno fatto lo stesso caloroso invito ad Alèx di continuare lungo lo stesso cammino cristiano, senza cambiare di una virgola.
    Per quanto riguarda il primo messaggio della lista, gli rispondo così: Alèx, “… non ti curar di loro, ma guarda… e passa”!

    segreteria parrocchiale ha detto:
    7 luglio 2010 alle 3:50 pm

    Il coro deglli applausi a favore della ” benedizione” di A.G.”
    dà l’idea del ” canto delle cocinelle”…..

    “siamo uomini, sorelle”…!

    A ciascuno è dato un posto nella Chiesa…

    A noi laici non è quello di giocare a fare il…prete.

    Attraverso il devozionismo indossiamo l’abito rattoppato del cristiano di ieri,
    ma non dimostriamo la fede come testimonianza di vita,
    di cui ha bisogno il mondo di oggi.

    Conosco e collaboro da poco tempo con questo anziano prete, ma non mi sembra che il devozionismo sia tra i suoi insegnamenti.
    M.Consalvi

      Luca Giampiero ha detto:
      8 luglio 2010 alle 10:25 am

      É curioso notare come qualcuno che la pensa diversamente da noi viene bollato subito di essere una “coccinella”. Strana considerazione, per chi si definisce uomo di chiesa che segue un “anziano prete”.
      Chi non la pensa diversamente da noi, e ha i numeri per emegere, deve essere lasciato libero di emergere. Anche nei nostri campi dove siamo buoni maestri.

    Stephano ha detto:
    8 luglio 2010 alle 10:20 am

    “dà l’idea del ” canto delle cocinelle”…..
    “siamo uomini, sorelle”…!” (cito da commento precedente)

    Noto con disappunto una velata omofobia, o almeno una voglia di mettere un cartellino sulle persone che non la pensano allo stesso modo.

    Il Cristo si era circondato di gente povera, peccatori, prostitute. Perchè un Uomo deve essere giudicato solo dal Signore, e solo per le proprie azioni non per i propri gusti, le proprie opinioni, le proprie tendenze sessuali.

    Mi spiace ma un semplice augurio di un Fratello ha scatenato una polemica a mio parere sterile. In quanto, ribadisco, solo Lui può giudicare. Si è passati da critica a insulti nel giro di breve.

    Andrea ha detto:
    8 luglio 2010 alle 10:47 am

    Noto che quando qualcuno la pensa diversamente da qualcun altro, ed ha un seguito, anche se minuscolo, viene subito tacciato di “diversità dal coro”.

    Un sentimento non molto cristiano, direi proprio razzista, da chi scrive da una fantomatica Segreteria Parrocchiale, dove chi la guida dovrebbe avere dato linee di pensiero abbastanza aperte.

    E poi: Segreteria Parrocchiale di dove?

    E’ possibile sapere come si chiama il Vescovo da cui questa Segreteria Parrocchiale dipende? Vorrei parlargli..

    Cristina ha detto:
    8 luglio 2010 alle 11:52 am

    da quando per pregare per qualcuno ci vuole il “bollino blu” ??

    segreteria parrocchiale ha detto:
    9 luglio 2010 alle 10:06 am

    Anzitutto vorrei dire al sig.Andrea che i Vescovi saranno molto felici che un laico abbia chiara LA SUA POSIZIONE NELLA CHIESA che non è quella di diffondere un superato devozionismo, ma di essere umili corresponsabili della nuova evangelikzzazione con l’impegno quotidiano a seguire Gesù nelle scelte della vita.

    >alla sig.ra Cristina mi permetto di ricordare quello che Gesù ci ha insegnato circa la preghiera…” quando pregate , entrate nella vostra stanza , chiudete la porta e pregate il Padre vostro nel segreto….”

    quindi
    >> niente bollino blu… però allontanare ogni tentazione
    >> di protagonismo…
    M.C.

      Luca Giampiero ha detto:
      9 luglio 2010 alle 12:07 pm

      Io, invece, anche a nome degli altri amici direttamente coinvolti, vorrei chiedere a M.C. (e anche, sicuramente, a V.F.) come mai non ha dato spiegazioni agli insulti di omofobia, e di razzismo.
      Pensa solo di potersi fare bello perchè parla da una fantomatica segreteria parrocchiale e di avere le spalle coperte da chissà quale parroco?
      Noi non siamo ammalati di protagonismo come chi vuole stare al centro dell’attenzione e nascondersi dietro a delle belle parole.
      Le nostre preghiere e le nostre benedizioni sono molto più discrete delle vostre. Siete voi, ammalati di protagonismo e frustrati quando qualcuno è innocentemente migliore di voi.
      E, comunque, … Dio vi benedica!

        segreteria parrocchiale ha detto:
        9 luglio 2010 alle 6:14 pm

        Egregio sig.Luca Gianmpiero,

        non ho sfiorato il problema del razzismo e dell’omofobia, perchè sono lontani dalla mia formazione culturale problemi di questo genere e per nulla sono stati toccati dalle mie puntualizzazioni..

        Ho ritenuto solo, con piena libertà, chiarire il posto do noi laici nella Chiesa di oggi e la dottrina di Gesù Cristo circa la preghiera.

        Il Suo ultimo pezzo lo ritengo profondamente offensivo verso di me.
        Non ho mai pensato dik essere migliore di Lei.
        Spero che Giacomo Fiaschi , redattore del Blog, intervenga a chiudere questa polemica …e se crede anche il blog.
        Non credo che tra i cristiani ci si deve comportare così.
        M.Consalvi

    Rafael Staparo ha detto:
    10 luglio 2010 alle 1:13 am

    Alex,
    não ligue para críticas sem fundamentos: sua prece pela intercessão de Sto. Antonio M. Zaccaria é excelente e pura!

    Abraços

    gold price ha detto:
    14 luglio 2012 alle 6:05 pm

    Antònio Marìa Zaccaria, santo. – Fondatore dei barnabiti e delle angeliche ( Cremona 1502 o 1503 – ivi 1539). Studiò medicina a Padova , esercitando poi la professione a Cremona; fattosi prete (1528) e passato a Milano (1530), entrò nell’oratorio dell’Eterna Sapienza; con il suo consigliere spirituale padre Battista da Crema, e amici laici ( B. Ferrari e G.A. Morigia; Ludovica Torelli contessa di Guastalla ) si propose d’iniziare una vita di regola, simile a quella dei teatini. Non mancarono le difficoltà e le traversie, prima e dopo l’approvazione di Clemente VII (1533) per la comunità maschile e di Paolo II (1535) per la comunità femminile (angeliche). Superati gli ostacoli, i barnabiti poterono diffondersi. Ad A. M. risalgono anche la Congregazione di coniugati per la difesa delle famiglie e l’adorazione delle Quarantore. Il culto di beato, prestatogli fino al 1634, fu reintegrato nel 1890, la canonizzazione venne nel 1897; festa, 5 luglio.

    Renèè ha detto:
    30 ottobre 2012 alle 3:16 pm

    Spero che intercederai per me quando sarà il momento, Antonio Maria Zaccaria oggi ti ho lasciato una cosa importante nella tua chiesa che oggi ho visitato a Milano. Tu sai la mia intenzione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...